stai leggendo...
Eventi, Arte e Cultura

Ancora una volta la Cultura si inchina all’edilizia

“Sette statue d’età augustea complete, ma anche una serie di frammenti che possono essere ricomposti: queste statue entreranno nei manuali di storia dell’arte classica”, affermò Elena Calandra, Soprintendente ai Beni archeologici del Lazio nel gennaio 2013. L’entusiasmo era più che giustificato. Ad essere dissepolto un repertorio statuario che illustrava il mito di Niobe e dei Niobidi, cantato anche da Ovidio. Il contesto i resti della villa di Marco Valerio Messalla Corvino, vicino ad Ottaviano ma anche mecenate e amico di poeti. Ambienti termali con pavimenti a mosaico, oltre alla natatio, la piscina all’aperto con le pareti dipinte di azzurro.

 

di Manlio Lilli

 

La scoperta è avvenuta tra il giugno e il luglio dell’anno precedente nel corso della campagna di sondaggi preventivi su un’area interessata da un progetto di edilizia, a Ciampino, comune di cerniera tra Roma e i Colli Albani. Il ritrovamento all’interno di una proprietà privata corrispondente al Barco dei Colonna, sulla via dei Laghi all’interno dei cosiddetti Muri dei Francesi.

Ciampino, villa di Messalla, testimonianze archeologiche

Ciampino, villa di Messalla, testimonianze archeologiche Ph: Comitato Ciampino Bene Comune

 

Da quel momento i 65mila metri cubi di nuove costruzioni della progettata zona ex 167 hanno cominciato ad essere messi in dubbio. Il vincolo indiretto posto sull’area nel novembre 2013 dalla Soprintendenza Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Lazio e l’inserimento del sito nel 2014 nel World Monuments Watch, cioè tra i 67 siti culturali a rischio distruzione, sembravano aver assicurato all’area archeologica un futuro meno incerto. Soprattutto grazie all’impegno strenuo di associazioni locali, a partire da “Movimento Ciampino Bene Comune”. La convinzione quella che non si dovesse perdere l’occasione fornita dall’importante scoperta. Regalando a Ciampino, l’ex Città-giardino trasformata in una delle città con la più alta densità abitativa d’Italia, uno spazio di condivisione nel quale archeologia e ambiente potessero dialogare tra loro. Restituendo ad un centro urbano intensamente urbanizzato, un pezzo di Paesaggio.

Il Tar, chiamato a decidere sul ricorso di tre cooperative edilizie, recentemente ha sentenziato che il vincolo non era “rigorosamente motivato e sorretto da un’adeguata istruttoria”. Risultato? Le strutture antiche, che nonostante l’abbandono di questi due anni erano ancora riconoscibili sul posto, tra la via Appia Nuova e i filari di viti all’interno della proprietà, possono essere spazzate via. Quel posto spetta di diritto alle nuove palazzine progettate dal Comune nell’autunno 2010. Per i giudici le ragioni sono di quanti vogliono urbanizzare anche questo spazio nel quale, tra viti ed olivi, sono i Casali detti di Marcoandreola, ed i resti della villa di Messalla. L’impressione di molti è che almeno questa volta a trionfare non sia stata la Giustizia. Accade in Italia.

Manlio Lilli è un Archeologo. E’ stato professore a contratto in Topografia medievale presso la Facoltà di Ingegneria di Terni dell’Università degli Studi di Perugia. Ha partecipato e condotto scavi archeologici a Roma, Giulianova, Pesaro, Grumento e Venosa e campagne di ricognizione in Abruzzo, Marche e Lazio.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SFOGLIA IL GIORNALE – 16 DICEMBRE 2016

ABBIAMO GIA’ DETTO:

PROMO

PROMO

Informazione Pubblicitaria

PROMO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: