stai leggendo...
Ambiente

E’ deciso, su Passerano ci vogliono mettere una croce, la giunta ha emesso sentenza

La giunta di Gallicano di area PD, con una delibera, da il via libera alla costruzione del Mega-cimitero. Mercoledì 30 aprile la giunta comunale di Gallicano nel Lazio ha approvato una delibera con la quale si conferma la meritevolezza dell’interesse pubblico circa la realizzazione di un megacimitero da circa 120mila loculi che dovrebbe sorgere nella splendida tenuta di Passerano, in località Pian dei Quadri. Aggiornamento: ha aderito al “call-to-action” del Comitato per Gallicano anche il Principe Urbano Barberini, presidente di Salviamo Villa Adriana e consigliere di Italia Nostra, per conoscere il pensiero in merito dei candidati alle europee del centro Italia.

 

aa2A nulla sono valse le varie manifestazioni che in passato hanno coinvolto la cittadinanza, le diffide di svariate associazioni portatrici degli interessi degli aderenti, gli interventi di cittadini e dei comitati al consiglio straordinario tenuto proprio a Gallicano nel quale tutti hanno espresso la loro contrarietà al progetto. Nonostante un unica voce abbia ribadito in tutti i modi la contrarietà ad un progetto che mina la salvaguardia di un territorio di immenso valore storico, archeologico, ambientale ed agricolo come la Tenuta di Passerano. La giunta ha considerato queste posizioni secondarie rispetto al “pubblico” interesse del Popolo gallicanese. Cittadinanza che pare debba ricavare non si capisce bene quale enorme vantaggio dalla costruzione di questo ecomostro inutile e devastante, che caratterizzerà per sempre il territorio e lo sviluppo turistico ed economico del territorio.

Vista questa presa di posizione della giunta, il Comitato per Gallicano ha voluto conoscere il punto di vista dei candidati alle elezioni europee per l’Italia Centrale (Lazio, Marche, Umbria, Toscana), inviando una e-mail ai rispettivi contatti stampa.

Contro la nascita di quest’opera, sono molte le associazioni che hanno fatto sentire la propria voce. Prima fra tutte Salviamo Villa Adriana, guidata da Urbano Barberini, consigliere inoltre di Italia Nostra. Sin dai primi giorni ci è stato affianco nella nostra lotta. Barberini, con il suo impegno riuscì ad evitare, pochi anni fa, che fosse creata una discarica di rifiuti a due passi da Villa Adriana. Se questa discarica fosse stata creata, l’UNESCO avrebbe tolto il patrimonio alla Villa stessa. Una miopia politica e culturale dell’allora giunta Polverini e del Commissario Pecoraro. Oggi continua a darci il suo sostegno e ricomincerà a lottare contro tutti gli scempi del territorio.

render1

Un rendering del progetto della megastruttura

Per meglio connotare l’opera, comunichiamo che l’area prevista per la costruzione di questo mega-cimitero risulta essere quella della Tenuta Agricola di Passerano, che confina tra Corcolle, l’autostrada A1 e la Via Prenestina. Quasi 100 ettari di territorio Romano in gestione alla Società SAUIE, e proprietà della Regione Campania, soggetta in questo periodo a diversi attacchi che ne comprometterebbero la natura agricola e storico culturale. Questa è infatti un area ad indirizzo agricolo, paesaggistico e di interesse archeologico e storico culturale elevatissimo. Un ulteriore scempio a danno del patrimonio dei Castelli Romani e dei Monti Prenestini

L’eco-mostro in questione dovrebbe sorgere in un area di altissimo livello archeologico culturale. Il territorio è infatti confinante con quello al costituendo parco archeologico della Antica Gabii, una città di epoca pre-romana, sito definito dalla soprintendenza archeologica del Lazio come “…uno dei più significativi ed importanti siti archeologici del territorio del Comune di Roma…”. Per le sue caratteristiche rappresenta oggi un contesto di ricerca straordinario. Dagli scavi svolti in passato è possibile rilevare come, al di sotto del terreno di campagna, siano ancora in gran parte conservate le principali strutture e gli edifici della antica città. Tra l’altro l’area individuata è la naturale prosecuzione dell’Antica Gabii con la città di Prenestae (attuale Palestrina) e il sito Archeologico di Villa Adriana. Realizzare un opera del genere interromperebbe la continuità di fruizione del costituendo parco archeologico, tagliando fuori il comune di Gallicano dalle opportunità offerte da una trasformazione turistica di questa parte di territorio.

Pubblichiamo di seguito  le risposte dei Candidati alle elezioni europee che hanno risposto al nostro appello su questa colossale opera distruttiva del paesaggio e che annienterebbe la vera identità di un luogo prezioso.

 

Risposte:

Paola Ciaurro – candidata Forza Italia centro Italia alle Elezioni Europee

In merito alla questione sollevata, di cui non conosco la genesi né le risultanze dei  lavori della commissione relativa, del comune di San Gallicano,  ritengo , per quanto rappresentato, che l’opera , se pur di interesse comune, vada a ledere il bene primario della conservazione del nostro patrimonio artistico, storico ed agricolo, nonché rappresenti una indubbia sottrazione di suolo. Pertanto auspico che la nuova amministrazione, sin dal suo primo insediamento, attui una riflessione sul tema e rivaluti l’opportunità di proseguire nell’operazione che, se pur meritevole, da una parte, è sicuramente lesiva della conservazione dei nostri luoghi piu’ pregevoli.
La costituzione, tra i principi fondamentali, all’art 9, impone alla Repubblica Italiana di tutelare il paesaggio ed il patrimonio storico – artistico della nazione: questa è una priorità non solo giuridica ma etica vera e propria.

Distinti saluti
Paola Ciaurro


 

 

Cari Attivisti di Gallicano,

Il programma dei 7 punti per l’Europa indica chiaramente che
l’agricoltura italiana va incentivata e finalizzata ai consumi
interni, data l’alta e crescente percentuale di prodotti alimentari
importati. Pertanto, essendomi in particolare occupata di agricoltura,
una iniziativa come quella intrapresa dalla giunta di Gallicano non
può che essere considerata deleteria e da contrastare, tanto più
perchè andrebbe a colpire una tenuta agricola che dovrebbe essere
protetta anche dai vincoli PTPR.

Vi ringrazio per l’informazione e in azione congiunta con i nostri
portavoce alla Regione, in Europa andremo a contrastare iniziative
come questa.

Un caro saluto,

Giuseppa (Giusy) Campo
Candidata al Parlamento Europeo Movimento 5 Stelle – Circ. Centro


La risposta di Luciano Ciocchetti, candidato di Forza Italia alle europee per l’Italia centrale

(AGENPARL) – Roma, 23 mag – “Ho raccolto immediatamente il ‘call to action’ proposto dal Comitato per Gallicano in difesa della meravigliosa Tenuta di Passerano, in località Pian dei Quadri, all’interno della quale dovrebbe sorgere – in seguito ad una delibera di Giunta, di area PD – un megacimitero da 120 mila loculi. Credo fermamente che tale progetto danneggi la salvaguardia di un territorio di grandissimo valore archeologico e storico, oltre che ambientale, minando enormemente anche gli aspetti turistici della zona che rappresenta ad oggi un polo attrattivo di grande rilievo nel Lazio. Mi auguro che la Tenuta di Passerano continui a risplendere nel nostro territorio”. Lo scrive in una nota l’esponente di Forza Italia, Luciano Ciocchetti.

lciocchettitweet

 

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SFOGLIA IL GIORNALE – 16 DICEMBRE 2016

ABBIAMO GIA’ DETTO:

PROMO

PROMO

Informazione Pubblicitaria

PROMO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: