stai leggendo...
Ambiente

Diffida al Sindaco, si prendesse le sue responsabilità!

I Consiglieri Comunali di opposizione, Galli, Betti e D’Offizi, ai quali va il nostro plauso per l’impegno che stanno mettendo nel difendere questo territorio, hanno inviato una diffida al Sindaco per richiedere un intervento chiarificatore sul Consiglio Comunale straordinario ed aperto circa la realizzazione di una centrale a biogas a Gallicano. Si allega il file della diffida in modo che tutti possano leggerne le motivazioni. Cosa c’è di peggio che usare il proprio potere per NON DIRE, per NON FARE?

di Redazione

Il Teatrino della politica a Gallicano continua. Il Consiglio Comunale indetto per il 30 gennaio, come tutti ben sapete, fu chiuso con la promessa da parte delle Istituzioni di convocare una nuova data per il confronto pubblico con i cittadini sul tema della Centrale elettrica da biogas a Passerano. Dopo ore di riunione dei Capigruppo si uscì con una data e con un luogo. Il Consiglio Comunale aperto si sarebbe tenuto il 28 di Febbraio presso gli ex granai del Castello di Passerano. Questa notizia fu annunciata come una decisione presa all’unanimità da maggioranza e opposizione e comunicata a gran voce a tutti i cittadini presenti in piazzale delle case popolari.

Ma questo non basta. Vista l’esigenza di non far gravare sui cittadini il costo dei consigli Comunali, l’Università Agraria di Gallicano, i primi di febbraio scrisse al Comune mettendo a disposizione gratuitamente i locali del Frantoio sociale allo scopo di tenere questo incontro. Il Sindaco rispose in data 3 febbraio (molto tempo fa… n.d.r.) che non ce ne era alcun bisogno perchè data e luogo dove si sarebbe dovuto tenere il Consiglio Comunale erano già stati individuati e comunicati ai cittadini. Confermando così per scritto che il confronto con i cittadini si sarebbe tenuto nei modi in cui comunicarono i capigruppo all’uscita del consiglio del 30 gennaio. Oltretutto in recenti interviste, il Sindaco, non smentisce il giornalista che gli chiede se il Consiglio si farà il 28.

La Diffida inviata al Sindaco dai Consiglieri di Minoranza

La Diffida inviata al Sindaco dai Consiglieri di Minoranza

Cosa sta succedendo? Facile, la maggioranza che (s)governa  Gallicano sfugge ad un confronto in ambito istituzionale con i cittadini, contrari a questa valanga di progetti di degrado ambientale e culturale che hanno deciso debba piovere sul nostro territorio. L’arroganza di un governo che reputa di sua proprietà il benessere e la qualità di vita dei propri cittadini sta uscendo allo scoperto in maniera chiara. Grazie ad una esigua maggioranza ottenuta alle recenti elezioni si pensa di poter disporre di tutto e di tutti. Di fare affari sulle spalle, non solo della salute degli altri, ma anche determinare una condizione di degrado diffuso di un territorio importante che causerebbe un calo verticale del valore degli immobili e del livello culturale della popolazione. Gallicano rischia di diventare appetibile solo per la parte più bassa della popolazione in fuga dalle grandi città, grazie ai bassi costi degli immobili e per il fatto che sono meno sensibili culturalmente alle grandi tematiche ambientali. Infatti si stanno costruendo grandi palazzoni che li possano accogliere.

E questo viene fatto in nome del benessere e della crescita dello sviluppo del territorio

L’arroganza si percepisce anche nella colpevole falsa informazione che viene fatta sul progetto in questione. Ancora si cerca di spacciarlo come un impianto di compostaggio, quando invece parliamo di una centrale elettrica che va a caccia di incentivi statali. Adesso il regime di incentivi sta cambiando e allora vedrete che si modificherà ancora il progetto spendendo altri soldi, per trasformarla in produzione di Bio-metano, che vede assegnati ancora alti incentivi da parte dello Stato.

Ma l’arroganza continua. Anche la scelta del luogo deputato ad accogliere l’evento, che noi abbiamo accettato con entusiasmo, perché avremmo voluto far vedere agli intervenuti la bellezza del luogo che si vuole devastare, non è casuale. Si è scelto Passerano per tener lontano dal Feudo questo popolo dissidente non disposto a vedere questo scempio in modo che i cittadini di Gallicano non vedano quanti sono quelli che si oppongo a questo come agli altri progetti di degrado. Forse fa più comodo che i cittadini parlino di calcio nei bar piuttosto che interessarsi del proprio futuro, del valore dei propri immobili e delle loro attività produttive? Non vorremmo crederlo, non lo speriamo… ma è quello che piace a questo modo di fare politica.

L’appuntamento per tutti è e rimane alle ore 15.00 di Venerdì 28 febbraio al Castello di Passerano. Concordiamo con l’operato dei Consiglieri d’opposizione, ma sarà necessario che questa battaglia diventi la battaglia di tutti i cittadini. Cercano di farci perdere consenso ma noi non lo perdiamo, non è il consenso personale che cerchiamo ma il consenso è sui temi di cui si sta parlando per cui è un operazione inutile e dannosa da parte loro. Continuano ad alimentare rabbia e malcontento. Molte altre istituzioni guardano allibiti il comportamento di questa amministrazione.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SFOGLIA IL GIORNALE – 16 DICEMBRE 2016

ABBIAMO GIA’ DETTO:

PROMO

PROMO

Informazione Pubblicitaria

PROMO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: