stai leggendo...
accade in questi giorni, Ambiente

No al Mega-cimitero che dovrebbe sorgere a Passerano

Il Comitato per Gallicano dice NO alla realizzazione di un cimitero comprensoriale destinato ad accogliere 120.000 defunti sul territorio di Gallicano nel Lazio. É previsto per il Sabato 23 Novembre alle ore 10.00 un Consiglio Comunale straordinario del Comune di Gallicano nel Lazio (RM) per discutere l’effettiva necessità della costruzione di questo che potremmo tranquillamente definire un Ecomostro. Invitiamo tutti i cittadini sensibili al problema a partecipare. La costruzione di questa opera tra l’altro potrebbe coinvolgere due aziende già indagate dalla Procura di Caltagirone per gravi irregolarità nella concessione dell’appalto per un operazione simile in Regione Sicilia.

render1

Uno dei rendering del progetto sulla costruzione del Cimitero Comprensoriale apparso sul sito del Comune

Il Comitato per Gallicano, rappresentato in Comune da 2 consiglieri di minoranza, è uscito dall’ultimo confronto elettorale come secondo partito del paese. Il Comitato, che rappresenta una associazione di cittadini apartitica, in collaborazione con altri Comitati di difesa del territorio che puntano, con le loro attività, ad una riqualificazione dell’area dei Castelli Romani e dei Monti Prenestini dice No alla realizzazione di questa opera inutile che la giunta di maggioranza ha molta fretta di approvare. La riunione del Consiglio Comunale in questione si terrà presso la sala Consiliare del Comune di Gallicano nel Lazio, sita in Piazzale Case Popolari. Nonostante sia stata già fissata la data del confronto democratico in Comune su questo tema, Il Sindaco e la giunta hanno preferito forzare la mano e inserire la sua costruzione all’interno del piano triennale 2013-2015 sulle opere pubbliche. Come ad accelerare la decisione sulla sua fattibilità al di là dei tempi necessari con un confronto con i cittadini. Invitiamo pertanto la popolazione di Gallicano, come anche quella di Corcolle o di Valle Martella, Palestrina e Zagarolo, a partecipare al Consiglio Comunale del 23 novembre che è stato convocato in forma aperta per cui chiunque può partecipare ed intervenire.

render2L’area prevista per la costruzione di questo mega-cimitero risulta essere quella della Tenuta Agricola di Passerano, che confina tra Corcolle, l’autostrada A1 e la Via Prenestina. Quasi 1000 ettari di territorio Romano in gestione alla Società SAUIE, e proprietà della Regione Campania, soggetta in questo periodo a diversi attacchi che ne comprometterebbero la natura agricola e storico culturale Nella stessa area è infatti prevista anche la nascita di una centrale per la produzione di energia elettrica da Biogas. Stiamo informando la popolazione dei paesi interessati, allo scopo di preservare un territorio così importante dell’Agro Romano. Il nostro Comitato si oppone duramente ad una nuova cementificazione di questo polmone verde a due passi dalla capitale, un area ad indirizzo agricolo, paesaggistico e di interesse archeologico e storico culturale elevatissimo. Un ulteriore scempio a danno del patrimonio dei Castelli Romani e dei Monti Prenestini

I cittadini sensibili al problema sono molti ed infatti il Comitato ha anche organizzato una raccolta delle firme di chi si oppone alla realizzazione di questa opera che degraderebbe il territorio. A tale scopo sono stati organizzati Gazebo informativi per la raccolta di firme e per spiegare ai cittadini i particolari di questo appalto.

Siamo contrari alla costruzione del Mega-cimitero

perché andrebbe a contribuire alla devastazione di un polmone verde importante per l’equilibrio dell’ecosistema della zona e al degrado dell’Area Prenestina e della periferia Romana

render3perché sorgerebbe in un area di altissimo livello archeologico culturale. Il territorio è infatti confinante con quello al costituendo parco archeologico della Antica Gabii, una città di epoca pre-romana, sito definito dalla soprintendenza archeologica del Lazio come “…uno dei più significativi ed importanti siti archeologici del territorio del Comune di Roma…”. Per le sue caratteristiche rappresenta oggi un contesto di ricerca straordinario. Dagli scavi svolti in passato è possibile rilevare come, al di sotto del terreno di campagna, siano ancora in gran parte conservate le principali strutture e gli edifici della antica città. Tra l’altro l’area individuata è la naturale prosecuzione dell’Antica Gabii con la città di Prenestae (attuale Palestrina) e il sito Archeologico di Villa Adriana. Realizzare un opera del genere interromperebbe la continuità di fruizione del costituendo parco archeologico, tagliando fuori il comune di Gallicano dalle opportunità offerte da una trasformazione turistica di questa parte di territorio.

Perché un cimitero di questa grandezza, molto superiore alle necessità dei paesi che coinvolge, causerebbe un aumento vertiginoso del traffico nell’area che in alcuni giorni porterebbe al collasso il già fragile sistema viario.

Perché l’aumento del traffico stradale sarebbe un ulteriore motivo di inquinamento

Perché Vogliamo che gli investimenti vertano verso uno sviluppo turistico del nostro territorio che possa generare occupazione e crescita dell’indotto economico oltre che crescita culturale. Il più grande patrimonio di queste zone sono il valore storico, paesaggistico ed eno-gastronomico e non volgiamo che sia depauperato per l’interesse di pochi.
Tra l’altro trasformare quest’area in cimitero vuol dire negarne l’uso civico riconosciuto con sentenza. Il che vuol dire espropriarlo all’intera comunità dei cittadini per consegnarlo ad un gruppo di società che se ne avvantaggerà, senza che la comunità abbia un risarcimento concreto ne della parte di territorio verde sottratto, ne, del suo reale valore

Perché la relazione geologica allegata al progetto risulta incompleta nella parte dei rilievi effettuati, essendo il territorio di Gallicano soggetto a molte eccezioni si manifesta l’urgenza di avere una verifica effettiva delle caratteristiche geologiche, consapevoli che la presenza di discontinuità e fratture del sottosuolo, potrebbero produrre inquinamenti derivati dalla decomposizione sulle acque superficiali e profonde, con gravi conseguenze per tutto il territorio e per la sua economia.

Perché Il bando di gara pubblicato da Comune prevede che l’opera si realizzata in regime di Project financing ovvero i capitali sono privati e non del Comune, pertanto, per almeno 30 anni, date previste nel bando, il cimitero in questione sarà a tutti gli effetti un cimitero privato.

render4Perché la società che si è proposta per la sua realizzazione in realtà è una associazione di imprese. Due delle tre aziende che formano questa associazione temporanea di imprese, nel Luglio 2011 si videro consegnare l’avviso di conclusione delle indagini preliminari da parte della Procura di Caltagirone, nelle persone del Procuratore Francesco Paolo Giordano e dal sostituto Procuratore Agata Vinciguerra per gravi irregolarità nella concessione dell’appalto. Le indagini svolte dalla Guardia di Finanza vertevano a fare luce sulla realizzazione di un opera molto simile, un cimitero comprensoriale nel Comune di Caltagirone.

Perché l’assegnazione dell’appalto è divisa in tre lotti. Il primo, quello a cui la società che si aggiudica la gara avrebbe accesso, prevede la sola realizzazione della rete viaria per accedere al sito, per lo scasso dell’area e consecutivo movimento terra. la mancanza di un piano finanziario e programmatico che dimostra la fattibilità dell’intero processo rischia di dare avvio ad un’opera dai tempi inimmaginabili e mette il comune ed i cittadini a rischio di avere un’area confinata in un cantiere perenne e l’esperienza italiana ci ha insegnato che sulle opere mal gestite si possono innescare interessi d’uso del territorio pericolosi: per la sicurezza ambientale, e sociale. Questo significa che se il mega-cimitero non venisse portato a termine, ci troveremmo a due passi da casa un grande scasso nel terreno facilmente accessibile, in Regione Campania.

Perché la zona di Passerano è soggetta a vincoli paesaggistici dettati dalla Regione Lazio attraverso il Piano Territoriale Paesaggistico Regionale (PTPR) che tutela le parti del territorio i cui caratteri distintivi derivano dalla natura, dalla storia umana o dalle reciproche interrelazioni nelle quali la tutela e valorizzazione del paesaggio salvaguardano i valori che esso esprime quali manifestazioni identitarie percepibili come indicato nell’art. 131 del Codice dei beni culturali e del paesaggio DLgv. 42/2004.

Perché il valore degli immobili situati in tutto il territorio interessato e nei paesi limitrofi subirebbe un crollo

Annunci

Informazioni su Claudio Auriemma

Uno di quelli che ancora, nonostante tutto, ci stanno provando. Del resto il mondo lo hanno fatto quelli che ci hanno provato.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

SFOGLIA IL GIORNALE – 16 DICEMBRE 2016

ABBIAMO GIA’ DETTO:

PROMO

PROMO

Informazione Pubblicitaria

PROMO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: