stai leggendo...
Ambiente, Salute

E intanto c’è chi vuole ri-ciclare una vecchia ferrovia

Il progetto del Comitato Ri-cicliamo la Ferrovia è bello quanto ambizioso. Ripristinare il percorso della vecchia ferrovia che collegava Roma con Fiuggi. Dismessa progressivamente per varie cause tra gli anni ’60 e gli anni 80, era un arteria strategica di collegamento tra Roma, i monti Prenestini e la Ciociaria. Oggi il suo percorso è ancora visibile percorrendo la Via Casilina o la via Prenestina.

La proposta del Comitato è quella di risanare il percorso della vecchia ferrovia e trasformarlo in una pista ciclabile-pedonale lunga oltre 100 Km che collega la stazione della metro C di Finocchio con Genazzano. Questa iniziativa porterebbe enormi benefici turistici alla zona visto che l’aerea dei Castelli Romani è al centro dell’interesse di molte persone che vogliono organizzare il loro tempo libero domenicale in gite fuori porta. Ma sarebbe anche interessante per tutti quelli che vogliono usare la bici in sicurezza per piccoli spostamenti. La quantità di ciclisti sulle nostre strade aumenta costantemente, è un mezzo di trasporto efficacissimo per i piccoli spostamenti e per ridurre le emissioni di gas inquinanti nell’atmosfera. Sulla bicicletta ci si tiene in allenamento, si fortifica il corpo e la mente e, a parere di qualcuno, si tengono anche lontano alcune malattie. Spostarsi in bicicletta inoltre è un modo sostenibile di intendere la mobilità che ci avvicina al mondo delle “smart-cities” ovvero di quei centri abitati che hanno scelto di impattare il meno possibile sull’ambiente garantendo comunque sviluppo e crescita ai propri cittadini. La presenza incombente della vicinanza con la Capitale, congestiona spesso il sistema viario e un alleggerimento in tal senso sarebbe necessario, complice anche l’inadeguatezza dei trasporti ferroviari attuali che mal sopportano la mole di pendolari di cui ogni giorno ne usufruiscono.

800px-Stazione_Vicinali_Zagarolo_1927_img023

Cartolina postale del 1927 della Stazione Vicinale di Zagarolo (RM)

Il progetto si inserisce naturalmente in un contesto di rivalutazione di un territorio che ultimamente è soggetto a continui attacchi da parte di amministrazioni che preferiscono trarre vantaggi economici dalle scelte politiche, piuttosto che il benessere dei cittadini e delle comunità.

Risulta a questo punto molto importante sensibilizzare la cittadinanza e le istituzioni locali sui vantaggi apportati al territorio da un opera simile. Effettuare uno studio di fattibilità e che individui possibili ostacoli tecnici, eventuali percorsi alternativi, costi e tempistiche di realizzazione. Inoltre sarebbe facile immaginare eventuali diramazioni che entrino nel contesto dei centri abitati sfioranti dalla pista ciclabile e che portino i ciclisti verso le attività commerciali dei paesi limitrofi al vecchio percorso della ferrovia. Si potrebbero inoltre pensare delle colonnine di bike sharing a pagamento per i turisti e un APP dedicata che guida i visitatori verso i luoghi di interesse della zona.

Annunci

Informazioni su Claudio Auriemma

Uno di quelli che ancora, nonostante tutto, ci stanno provando. Del resto il mondo lo hanno fatto quelli che ci hanno provato.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

SFOGLIA IL GIORNALE – 16 DICEMBRE 2016

ABBIAMO GIA’ DETTO:

PROMO

PROMO

Informazione Pubblicitaria

PROMO

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: