stai leggendo...
Ambiente

Si Coltiva per i Digestori, Interi Campi destinati al Macero

Quando si è immaginato di produrre energia elettrica da fonti rinnovabili, ed in particolare dalla digestione anaerobica di scarti alimentari ed organici, non si intendeva che si dovevano “produrre” quelli scarti. Paesi che fanno uso di questa fonte energetica non devono destinare parte dei loro prodotti agricoli ad alimentare le centrali, ma solo, appunto ciò che avanzava. In Italia la corsa al biogas è stata ed è talmente folle da rischiare di stravolgere l’intera agricoltura, in quanto interi campi di mais verranno destinati ad alimentare i digestori.  

 

di Rubina Valli

 

Una giovane Madre esterna al nostro blog le sue preoccupazioni riguardo la qualità dell’aria che respirano i suoi figli. La Regione Lombardia è l’unica che non ha emanato linee guida riguardo a dove costruire centrali inquinanti e rumorose, che disperdono nell’aria già avvelenata quantità allarmanti di polveri sottili, producendo, come vedremo, meno energia di quella che consumano. Il risultato è che ne vengono costruite anche in mezzo a scuole e centri abitati.

impianto_biogas10001“Che Mantova fosse una delle città più inquinate d’Italia non è una novità, quello che però purtroppo pochissimi sanno è che negli ultimi anni il suo territorio è stato martoriato da un numero sempre crescente di centrali a biomasse. Immaginiamo di mandare i nostri figli in un asilo dove arrivano i fumi tossici dei motori di 100 panda accese a pieni giri 24 ore su 24 (che corrispondono alle emissioni dell’impianto). Una totale assurdità, assecondata attraverso mancanza di informazione e tutela dalle autorità regionali e locali, e dai giornali.

Ora, se è vero che le centrali a biomasse vengono considerate fonti della cosiddetta energia pulita, bisogna chiarire alcuni punti. In primo luogo, il principio alla base di queste centrali è quello di alimentarsi usando gli scarti organici di agricoltura e industria. Questo significa che i Paesi che fanno uso di questa fonte energetica non devono destinare parte dei loro prodotti agricoli ad alimentare le centrali, ma solo gli scarti. In Italia la corsa al biogas è stata ed è talmente folle da rischiare di stravolgere l’intera agricoltura, in quanto interi campi di mais verranno destinati ad alimentare i digestori. Mais prodotto per essere fatto marcire. Il prof. Corti, referente regionale dei comitati Nobiogas, sottolinea: ”Per alimentare 50 centrali servirebbero nell’ipotesi massima (ma difficilmente realizzabile) circa 10mila ettari, ovvero il 5% del terreno agricolo provinciale con ricadute negative sui costi dei terreni e degli affitti e rischi di monocoltura.”.

Pensiamo all’assurdità di coltivare campi al solo scopo di produrre energia: l’acqua usata per irrigare, i motori delle pompe, delle macchine agricole, i trasporti…. tutta l’energia impiegata supera di gran lunga i “benefici”, che a questo punto non ci sono più. Per non parlare dello spreco di acqua, bene sempre più prezioso.

In secondo luogo, come ho accennato all’inizio, non sempre (o quasi mai….) il bilancio energetico di queste centrali è in positivo. Basti pensare che Libero, il 15 febbraio 2012, pubblicò un articolo dal titolo: “Energia: a Bolzano impianti biogas producono più energia di quanta ne consumano”. Dovrebbe essere scontato che una centrale di qualsiasi tipo produca più energia rispetto a quanta ne consuma, ma con le centrali a biomasse/biogas non è così, ed ecco perché: dell’energia contenuta nel silomais (insilato di mais, ovvero la biomassa con la resa più elevata) solo il 20% si trasforma in elettricità; gli indici di efficienza energetica del silomais variano da 4 a 10, e quindi anche con la biomassa più produttiva l’energia ottenuta può essere inferiore a quella consumata, figuriamoci con le biomasse meno “efficienti”. È chiaro che il bilancio è spesso in negativo, soprattutto se si considerano altri fattori importanti quail l’aumento dei costi di trasporto per importare la parte di alimenti per uomini e animali destinata ai biodigestori.

Per quanto riguarda l’impatto ambientale, la corsa sfrenata al biogas non è nociva solo per le polveri sottili emesse 24 ore su 24, ma anche per altri fattori, come l’aumento nell’uso di pesticidi e concimi chimici, non temperati dalla destinazione alimentare dei prodotti. La monocultura impoverisce il terreno e aumenta il rischio di erosione.

Insomma, una fonte di energia che potrebbe essere verde se fatta con intelligenza e cognizione di causa, si sta trasformando in un disastro ambientale sotto gli occhi degli enti locali e regionali.

Cremona e provincia ospitano 200 centrali, sorte senza proteste da parte dei cittadini, che si sono fatti sentire con più forza in provincia di Brescia e nel mantovano, con manifestazioni pacifiche, incontri informativi, e raccolte di fondi per ricorsi legali al TAR. Ma perché tanta indifferenza da parte di enti locali e regionali? La bramosia speculativa, ovviamente, unita alla crisi economica che ha in parte colpito anche gli agricoltori.

Il caso di Montanara, nel comune di Curtatone, a Mantova, è un esempio emblematico: nel mezzo di un quartiere nuovissimo, densamente popolato e con asilo e scuola elementare, è prevista la costruzione di una centrale a biomasse da ultimarsi entro dicembre 2012, approvata senza che nessuno ne sapesse niente, o quasi. Solo brevi e sporadici articoli sulla Gazzetta di Mantova ne menzionavano la costruzione, senza mai accennare ai pericoli e ai gravi effetti collaterali per ambiente e salute. Le persone che hanno investito i risparmi di una vita in una casa nuova, o che si sono sobbarcati anni e anni di mutuo, adesso si ritrovano con una proprietà invendibile, perché una volta che la centrale esiste, nessuno vorrà mai avere una casa lì vicino. E neonati e bambini respireranno nanopolveri che penetrano nell’organismo e causano il 6% delle morti del mondo occidentale, per tumori polmonari, asma, bronchiti croniche e complicazioni annesse.

Non è assurdo che nel 2012, in un Paese che si spaccia per democratico, succedano cose simili? Dov’è finito il diritto all’informazione e alla tutela? La democrazia si basa proprio su questi diritti fondamentali e, dove essi vengono calpestati, viene calpestata la democrazia stessa e il Paese scivola verso la dittatura.”

Il dott. Alberto Zolezzi, pneumologo, ha informato tante persone nella zona di Montanara attraverso volantini e inviti a partecipare a riunioni e incontri, mettendole in guardia dai pericoli delle polveri sottili e dagli inganni del biogas. A lui vanno i miei sinceri ringraziamenti.

Il nostro gruppo su facebook

http://www.facebook.com/groups/149988651797527/

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

SFOGLIA IL GIORNALE – 16 DICEMBRE 2016

ABBIAMO GIA’ DETTO:

PROMO

PROMO

Informazione Pubblicitaria

PROMO

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: